La comprensione simbiotica: vivere con quattro felini

Uomo e animale oppure uomo è animale?

Non voglio girarci intorno, e risponderò a chiunque non la pensi così, per me vale la seconda: uomo è animale. Il senso di differenza e di distanza, che tanto piace al genere umano, e che tanti danni ha fatto e continua a fare, può essere alleviato e relegato a semplice curiosità, banalmente provando a vivere insieme ad altri mammiferi. E’ facile etichettare un essere vivente (sia esso un felino, un orso, un senegalese, un italiano, eccetera) quando non lo si conosce. E’ anche facile avere atteggiamenti di superiorità, se non di prevaricazione, quando si mantengono le distanze: “lui non è come me”, “lui è solo un …”, “ma tanto a lui non importa”.

“Ecco che arriva il solito vegano, animalista, rompiscatole, che vuole toglierci la bistecca.”

Leggi tutto “La comprensione simbiotica: vivere con quattro felini”

La punta dell’iceberg

Le tre dimensioni di buon  personaggio:  un  “trialogo”.

Si parla sempre di personaggi interessanti, umani, accattivanti, coinvolgenti, in un poche parole: tridimensionali. Come si fa a creare un personaggio tridimensionale?

Usando larghezza, altezza e profondità!

Una battutaccia da due rupie perché non ho niente da dire? Proprio no, mio caro lettore, proprio no. Riflettiamo insieme sul significato delle dimensioni, e su come applicarle nella strutturazione di un protagonista, per ottenere quello che ho definito “il  trialogo della creazione dei personaggi“.

Leggi tutto “La punta dell’iceberg”

La superba bellezza del passato remoto

Nella narrazione il contenuto è principe ma la forma è regina.

Scrivere è una questione di alchimia: è importante cosa si racconta, e come si svolge la narrazione, ma è fondamentale che lo stile di scrittura, le parole usate, e quelle omesse, il punto di vista, i tempi e i modi, reggano lo sviluppo degli eventi. E’ una maionese, un’emulsione nella quale gli elementi si integrano, attraverso un processo a tratti misterioso, e devono supportarsi l’un l’altro. Se questo non accade, se gli elementi sono incompatibili, la maionese impazzisce, il risultato non convince, e l’olio e le uova se ne vanno bellamente a spasso stizzite e separate. Cena rovinata, racconto mal riuscito.

Buttiamo la metafora andata a male nel bidone dell’umido e andiamo avanti.

Leggi tutto “La superba bellezza del passato remoto”