La rabbiosa Dora

Questo breve articolo è un falso. L’ho scritto per promuovere un libro in crowdfunding che però non è andato in porto.
Per saperne di più clicca qui

La rabbiosa Dora

Tratto dalla rivista “Lucento” numero VI anno 1997

La Dora e il Po.  Tutti abbiamo studiato a scuola i fiumi che bagnano Torino, e la Dora, Dòira in piemontese, è di certo quello più affascinante e misterioso. Non temano i lettori. Non vogliamo esporre dei freddi dati statistici, né soffermarci troppo sulla storia, ben nota, del rapporto tra la città e i suoi fiumi. Come è costume della nostra rivista andremo a scoprirne i risvolti metafisici, con l’intento di informare i nostri lettori dei rischi e dei pericoli che una così possente direttrice psichica può arrecare, e i modi per difendersi. Prima di tutto, però, è necessario soffermarsi su alcuni eventi che hanno visto protagonista la Dora Riparia. In epoca romana, alla confluenza del fiume Po e della Dora, fu fondata la città di Torino. E questo è un fatto noto e comprovato. La Dora è stata per lunghissimo tempo una fonte energetica, dai primi insediamenti, fino al Medioevo, essendo più alta rispetto al Po, consentiva di azionare mulini e martinetti. Vennero scavati numerosi canali per direzionare le acque, alcuni sono ancora funzionanti, e portano il prezioso liquido fino a Venaria Reale, per fare un esempio, o alla stessa Torino.

Leggi tutto “La rabbiosa Dora”

La cappa grigia

Questo breve articolo è un falso. L’ho scritto per promuovere un libro in crowdfunding che però non è andato in porto.
Per saperne di più clicca qui

La cappa grigia

tratto da “Un secolo di spettri”
Katia Müller
Edizioni del Conte, Torino.

 

“[…] come intuì Theodore Wulf, e successivamente dimostrò con il suo celebre esperimento sulla torre Eiffel nel 1910, il pianeta emette costantemente flussi aurali instabili, i quali influenzano le molecole d’acqua in sospensione, e avvolgono la terra in una cappa di grigiore.”

Con queste parole il professor Bocchio, dell’Istituto Superiore di Studi Ermetici “Blavatsky” di Torino, battezzò il fenomeno di “maltempo” che tutti noi conosciamo. Il termine “cappa grigia”, però, divenne popolare solo successivamente, nei primi mesi del ’75, a seguito di una serie di fortunati articoli di approfondimento, in versione divulgativa, apparsi su quotidiani e riviste popolari. Negli anni seguenti si aprì un’accesa disputa tra due opposte correnti di pensiero. Pur non mettendo in dubbio la natura esoterica della cappa,  gli studiosi del panorama ermetico dell’epoca avevano opposte visioni circa l’origine del fenomeno e la sua influenza metafisica. In pratica nessuno sapeva stabilire se il fenomeno fosse di carattere puramente energetico, quindi “naturale”, oppure se risultato di una influenza intelligente e ultraterrena. La diatriba, tra compromessi e accese dispute, si è protratta fino ad oggi, alle soglie del ventunesimo secolo.

Leggi tutto “La cappa grigia”

La comprensione simbiotica: vivere con quattro felini

Uomo e animale oppure uomo è animale?

Non voglio girarci intorno, e risponderò a chiunque non la pensi così, per me vale la seconda: uomo è animale. Il senso di differenza e di distanza, che tanto piace al genere umano, e che tanti danni ha fatto e continua a fare, può essere alleviato e relegato a semplice curiosità, banalmente provando a vivere insieme ad altri mammiferi. E’ facile etichettare un essere vivente (sia esso un felino, un orso, un senegalese, un italiano, eccetera) quando non lo si conosce. E’ anche facile avere atteggiamenti di superiorità, se non di prevaricazione, quando si mantengono le distanze: “lui non è come me”, “lui è solo un …”, “ma tanto a lui non importa”.

“Ecco che arriva il solito vegano, animalista, rompiscatole, che vuole toglierci la bistecca.”

Leggi tutto “La comprensione simbiotica: vivere con quattro felini”